Retro-front

Dopo due giorni di accanite polemiche sulla sua affermazione che africani e neri americani sono meno intelligenti degli occidentali, finalmente James Watson ha preso la parola. E lo ha fatto per scusarsi, dicendosi «mortificato per ciò che è accaduto. E ancor più grave è che non riesco a comprendere come ho potuto dire questo. Posso certamente comprendere perchè la gente, leggendo quelle parole, ha reagito come ha fatto».

Il genetista, 79 anni, premio Nobel 1962 per gli studi sul Dna insieme a Crick, aveva affermato di essere pessimista sul futuro dell’Africa perché «tutte le nostre politiche sociali sono basate sul fatto che la loro intelligenza (degli africani) sia uguale alla nostra quando tutti i test svolti dicono il contrario». Affermazioni per le quali Watson oggi si scusa: «Non posso che presentare le mie scuse senza riserve. Non è quello che volevo dire. E soprattutto non vi sono alcune basi scientifiche per sostenere tali tesi».

In seguito alle dichiarazioni pubblicate dal Sunday Times, il museo della Scienza di Londra ha cancellato una conferenza del premio Nobel, e un prestigioso laboratorio di New York, il Cold Springs Harbor Laboratory, ha deciso di sospendere la collaborazione con il genetista.

ilmessaggero.it

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s