L’oligarchia spara sui contadini

L’11 settembre sarà ricordato in Bolivia come il giorno del più grave massacro di contadini nella storia democratica del paese. 30 morti, 50 feriti e più di 100 desaparecidos, è questo, per il momento, il bilancio della repressione scatenata dal Leopoldo Fernández, prefetto della regione amazzonica del Pando.
Giovedì 11 mattina, nella località di El Porvenir, le forze paramilitari contrattate dal prefetto Fernández hanno intercettato una marcia di circa mille contadini diretta a Cobija, capoluogo della regione. I manifestanti avevano deciso di protestare contro le violenze provocate, giorni prima, dalle forze separatiste vicine al prefetto. All’altezza della località di Tres Barrancas, molti cecchini, appostati sugli alberi lungo il cammino, hanno aperto il fuoco sulla gente armata unicamente di pali e bastoni. Quando la pioggia di pallottole si è fermata, i paramilitari hanno completato l’opera, picchiando selvaggiamente i superstiti e sequestrando i dirigenti sindacali, per torturali sucesivamente. Non hanno avuto pietà per nessuno. Le prime testimonianze – ancora da verificare – parlano di gente uccisa a sangue freddo, donne uccise a colpi di bastonate e di bambini lanciati nel fiume. Racconti agghiaccianti, che lasciano pensare che il numero delle vittime nei prossimi giorni potrebbe crescere.
Quattro giorni fa, quando sono arrivate le prime notizie degli scontri in Pando, nessuno avrebbe potuto immaginare le proporzioni del dramma. I mezzi di comunicazione privati, controllati dalla destra, hanno cercato di coprire la verità fino a venerdì. Si parlava di scontri tra gruppi di sostenitori del Mas armati e settori vicini alla prefettura e si cercava di attribuire al governo la responsabilità dell’accaduto. Quando sono apparsi i primi cadaveri con segni di arma da fuoco dietro la nuca, la verità è venuta a galla. Le testimonianze dei sopravvissuti e i corpi martoriati dei feriti hanno confermato ciò che già venerdì sera si iniziava a temere: El Porvenir è stato, in questi giorni, teatro di un vero e proprio massacro, perpetrato da gruppi di mercenari di diversa nazionalità [prevalentemente peruviani e brasiliani] contrattati dalla oligarchia terrieria pandina.
Il Pando è uno dei dipartimenti più poveri della Bolivia. La maggior parte delle popolazione vive in miseria estrema e lavora in condizioni di semi-schiavitù. La proprietà delle terre fertili si concentra nelle mani di poche famiglie, come i Fernández. Il prefetto della ragione è un vecchio cacique che, dagli anni settanta, esercita un controllo quasi feudale su gran parte del territorio di Cobija. Ha consolidato il suo potere político e economico durante il periodo della dittatura di Gacía Meza y Celso Torrelio, di cui è stato funzionario pubblico, e ha potuto mantenerlo fino a oggi, grazie agli ottimi contatti con il generale Hugo Banzer e con il suo braccio destro Tuto Quiroga, oggi leader del partito Podemos. Già nel 2006, i servizi di intelligence boliviani avevano denunciato la presenza nella regione di gruppi paramilitari. Il governo di Evo Morales non era riuscito a intervenire legalmente perché gran parte del podere giudizirio è controllato dalla destra.
Il governo ha risposto al massacro contadino dichiarando lo stato d’assedio nel Pando. Venerdì pomeriggio l’esercito boliviano è entrato a Cobija e sta lentamente recuperando il controllo. Il prefetto Leopoldo Fernandez è stato identificato come il principale responsabile del massacro ed è perseguito dalle forze del’ordine: su di lui, pende l’accusa di genocidio. Gli altri prefetti e i cívicos delle province orientali, riuniti nel Conalde, hanno «abbassato la testa» davanti alla gravità delle violenze commesse: da sabato sera, hanno riaperto il dialogo con il governo. Stamattina, i cívicos di Santa Cruz hanno persino dichiarato che sono disposti a rimuovere i blocchi stradali e fermare le azioni di violenza della Unión Juvenil Cruceñista. Adesso, però, la situazione si è ribaltata, sono i settori sociali vicini al governo che non vogliono piú dialogare con i prefetti ribelli.
La gente è infuriata. Le strade di El Alto e La Paz trasudano rabbia. Lunedì mattina si sono svolte a La Paz le prime manifestazioni di protesta contro i prefetti delle province orientali. I cittadini di El Alto hanno occupato le strade della città, chiedendo giustizia per i contadini ammazzati. Chiedono l’espulsione dei prefetti ribelli e la carcere per Leopoldo Fernandez. Il momento più intenso della manifestazione è stato quando i ponchos rojos, i guerrieri aymara di Achacachi, hanno bruciato un fantoccio che rappresentava Leopoldo Fénandez davanti al Tribunale di La Paz. Martedì sono previste manifestazioni anche gli studenti universitari di El Alto e La Paz. Allo stesso tempo, i settori sociali che stanno bloccando l’accesso a Santa Cruz hanno dichiarato che continueranno l’assedio alla città. Tutto sembra indicare che, nei prossimi giorni, la tensione sociale in Bolivia continuerà a crescere.

carta.org

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s