Uno spettro si aggira per l’Europa: pedala spedito e se la gode una cifra.

Mentre i politici stanno a spacciare stupefacenti ricette scadute, c’è uno strano movimento di bici che occupa ciclicamente sempre più città del globo. Non è centralizzato né motorizzato: è una rivoluzione a pedali.

Masse critiche e ciclofficine stanno imponendo una scelta epocale tra
BICI O BARBARIE.

Ogni singolo essere urbano è chiamato a decidere. Si può anche sorridere, anzi, si deve. Ma senza biciclette, chi fermerà gli eserciti?

Eddy Marx

Manifesto del Partito Ciclista

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s