Massacro silenzioso

E’ finita. Finita nel sangue. Le Tigri Tamil dello Sri Lanka si sono arrese. Lo annuncia Selvarasa Pathmanathan, il capo del servizio diplomatico internazionale dell’esercito di Liberazione delle Tigri Tamil, in un comunicato diffuso dal sito Tamilnet.

Pathmanathan, considerato un moderato all’interno del movimento Tamil, ha denunciato un atteggiamento debole del mondo nei confronti dei civili: “Nonostante la nostra richiesta al mondo di salvare migliaia di persone dalla morte il silenzio della comunità internazionale ha solo incoraggiato l’esercito dello Sri Lanka a continuare la guerra fino alla sua amara fine”.

“Nelle ultime 24 ore, più di 3.000 cadaveri di civili sono stati contati sulle strade, mentre oltre 25.000 risultano feriti gravemente senza aiuti medici. Consci di questo – scrive Pathmanathan – abbiamo già annunciato al mondo la nostra posizione di mettere a tacere le nostre armi per salvare il nostro popolo”.

Fra venerdì e stamane sono quasi 50.000 i civili che, considerati “ostaggi della guerriglia Tamil”, hanno potuto lasciare la “zona di sicurezza” nello Sri Lanka nord-orientale. Circa 38 mila civili che erano intrappolati nella “no fire zone” hanno raggiunto la salvezza nelle ultime 24 ore utilizzando i varchi aperti dall’esercito attraverso la laguna Nanthi Kadal.

Un portavoce dell’esercito dello Sri Lanka ha anche ricordato che circa 12 mila civili venerdì hanno cercato la protezione del governo, a seguito dell’occupazione da parte della 58/a e 59/a Divisione dell’esercito di tutta la fascia costiera della “zona di sicurezza”.


Le stesse fonti militari hanno poi precisato che i 70 guerriglieri Tamil uccisi la notte scorsa stavano cercando di attaccare a bordo di motoscafi, attraverso la laguna, posizioni della 59/a Divisione e non sarebbero stati colpiti quindi mentre erano in fuga.

Stamattina è ritornato in Sri Lanka anche il presidente Mahinda Rajapaksa, che terrà un discorso alla nazione in cui dovrebbe annunciare la morte o la cattura dei leader Tamil e la fine della guerra ultra trentennale.
Secondo informazioni non confermate, ieri sarebbe stato catturata la “primula rossa” e fondatore dell’Ltte. Secondo altre fonti, invece, Velupillai Prabhakaran sarebbe morto nei combattimenti. Altre ancora, infine, dicono che è vivo e che starebbe per riorganizzare il fronte ribelle.

Repubblica.it

Advertisements